Comunicato Stampa – Facoltà di Architettura

24 10 2008

Università degli Studi di Firenze
Facoltà di Architettura

Comunicato Stampa Del 23 ottobre 2008

Oggi, 23-10-08, si è tenuto presso l’aula Magna di Palazzo San Clemente, sito in via Micheli, 2 (Firenze) il Consiglio di Facoltà della FACOLTA’ DI ARCHITETTURA.

Il Consiglio era stato richiesto in via straordinaria da un’Assemblea Generale di Facoltà tenutasi nel plesso di Santa Verdiana il giorno 10 ottobre.

In questa assemblea era stata approvata a larga maggioranza una mozione che:

  • Prendeva posizione contro la legge 1338 e dichiarava lo “stato di agitazione permanente”
  • Prevedeva come strumento di protesta “alternativa” la sostituzione delle lezioni ordinarie un giorno a settimana a rotazione, con l’attività di Commissioni miste (studenti – docenti) che lavorassero su temi riguardanti la legge 1338 e il rapporto tra la Facoltà, la Città e la società civile.
  • Chiedeva la convocazione del Consiglio di Facoltà APERTO per valutare la volontà espressa dall’Assemblea e attivare i provvedimenti necessari.
  • Chiedeva, in oltre, il rifiuto da parte del Rettore di inaugurare l’Anno Accademico

Il Consiglio di Facoltà svoltosi oggi 23 Ottobre a porte CHIUSE (contro la volontà espressa dall’Assemblea) APPROVA a larga maggioranza e con piccole modifiche la mozione del 10 Ottobre.

Pertanto il Consiglio di Facoltà:

  • “Denuncia il tentativo del Governo di cancellare l’Università pubblica che tutti conosciamo con la Legge n. 133/08”
  • Chiede “la cancellazione dei provvedimenti ed arrestare una deriva che si annuncia completa su tutti gli aspetti del funzionamento dell’Università”
  • Valuta “in modo positivo l’estesa mobilitazione che si è prodotta in Facoltà nelle due prime settimane di attività didattica”
  • “Prende atto dello stato di agitazione permanente, ne conferma la sua prosecuzione e chiama tutte le sue componenti ad un nuovo e crescente impegno civile, che veda tutti uniti a difesa del sistema pubblico dell’alta formazione, quale patrimonio fondamentale della collettività”.
  • Esprime “la sua ferma opposizione alla distruzione da parte del Governo dell’intero sistema pubblico dell’alta formazione”
  • “Decide di attivare un articolato programma di iniziative che, dallo studio approfondito delle diverse problematiche collegate alla L. 133, possa condurre la Facoltà a relazionarsi con la società, anche in un significativo sforzo di aprire l’Università alla città ed ai suoi problemi”
  • Decide di “dedicare ogni settimana un pomeriggio, a rotazione, con prosecuzione serale,” all’”attività di elaborazione e di discussione, articolata in diverse Commissioni, aperte a tutte le componenti della Facoltà”.
  • Propone “la costituzione almeno delle seguenti Commissioni:
    • Coordinamento cittadino Scuola, Università, Società civile.
    • Coordinamento di Facoltà e di Atenei.
    • Forme della comunicazione interna ed esterna.
    • L’Università che vogliamo, modelli , sperimentazioni e forme di valutazione.
    • Architettura, Università, Città.
    • Formazione, conoscenza e mercato del lavoro.
    • Ricerca e innovazione
    • Valutazione critica del ruolo delle fondazioni e incostituzionalità della L. 133”

Gli studenti della Facoltà di Architettura si sono presentati questa mattina alle ore 9 in via Micheli, per un presidio al di fuori del Consiglio di Facoltà, in risposta alla decisione di tenere quest’ultimo a porte chiuse.
Alla conclusione del Consiglio si è tenuta un’Assemblea con ampia partecipazione di studenti e docenti che ha preso atto della mozione approvata.

Sottolineiamo la volontà condivisa da parte di Studenti e Docenti di portare avanti una ferma opposizione alla legge 1338 e uno strumento di protesta per quanto possibile “alternativo”, basato sulla partecipazione attiva della Cittadinanza alle iniziative proposte dal lavoro delle Commissioni, non interferendo drasticamente con l’attività didattica. La Facoltà ha dunque intenzione di rendersi “criticamente” visibile in città attraverso l’organizzazione di eventi pubblici.

Riconosciamo, infine, la necessità di un rinnovamento del sistema universitario da perseguirsi mediante tavoli di confronto tra le parti interessate.

Assemblea degli Studenti della Facoltà di Architettura, Firenze.


Alleghiamo il documento ufficiale approvato dal Consiglio di Facoltà il 23-10-08.

Annunci

Azioni

Information

One response

25 10 2008
VieriParrulli

Nell’articolo qui sopra avete eliminato, sicuramente per una svista, una parte presente nel documento ufficiale del 23-10:
“[…] il Cdf propone di dedicare ogni settimana un pomeriggio, a rotazione (29 ottobre, 20 novembre, 24 novembre, 2 dicembre, 10 dicembre, 18 dicembre, 12 gennaio, 20 gennaio), con eventuale prosecuzione serale, durante il quale si svolgerà un’attività di elaborazione e di discussione, articolata in diverse Commissioni, aperte a tutte le componenti della Facoltà”
nella quale non viene presa in considerazione la mozione dei Consigli di Corso di Laurea Magistrale e Scienze dell’Architettura approvata il 15-10 e riconfermata all’unanimità dall’assemblea dei due corsi il 22-10 (alla presenza dei rappresentanti studenteschi, alunni e docenti).
Fermo restando che in tutti i documenti approvati la prima parte (condanna della legge, necessità di mobilitazione) rimane invariata, perché non riconoscere la diversa attuazione all’interno di ogni corso di laurea e imporre solo il calendario più comodo al corso quiquiennale (che prevede pause che altri corsi non hanno, non prevede pause quando gli altri corsi le hanno e salta comodamente tutti i venerdì)?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: